Tirando le somme e buoni propositi

E come ogni anno, giunti alla fine, mi piace riassumere sia le cose belle che le cose brutte con questo giochetto.

Cos’hai fatto nel 2013 che non avevi mai fatto? Sono stata “dietro le quinte” di un matrimonio; ho fatto le 7 del mattino; ho indossato una gonna scelta da me e senza un fucile puntato contro (smetteta di guardami storto, ok? XD); ho mandato a puttane un’amicizia di mia iniziativa (e non ne sono pentita); ho letto due libri in inglese (e non in riduzione); ho passato il capodanno in piazza; ho pianto ad un esame; ho corretto le bozze di un libro; ho fatto un corso on line.

Hai mantenuto i buoni propositi fatti l’anno scorso, e ne hai nuovi per il 2014? Odio fare buoni propositi, a meno che non siano librari! L’anno scorso avevo detto che volevo darmi seriamente all’inglese, cosa che ho fatto in parte, visto che quest’anno ho scoperto l’amore per le serie British e ho letto due libri in lingua; per l’anno prossimo vorrei continuare su questa scia: leggere più libri in lingua, riuscire a vedermi qualcosa in inglese senza sottotitoli (ok, questa forse è troppo difficile per me) e, magari, prendermi una certificazione (e mi sa che pure quest’anno me la sogno XD). Dal punto di vista librario, leggere almeno 52 libri (anche grazie a questa sfida), tra cui quei classici che mi riprometto sempre di leggere, ma che sono ancora lì nella libreria.

C’è stata qualche nascita tra le persone a te vicine? Nì. Non proprio vicine, ma tra i miei conoscenti sì.

C’è stata qualche “dipartita” tra le persone a te vicine? Le dipartite ci sono sempre, vicine o lontane.

Quali nazioni hai visitato? Nessuna.

Cosa vorresti avere nel 2014 che ti è mancato nel 2013? Un lavoro.

Quale data del 2013 rimarrà nella tua memoria? Il 17 giugno, perché sono iniziati gli esami della sucola di APD. Quella data ci ha terrorizzati per mesi.

Qual è stato il tuo più grande risultato di quest’anno? Il diploma presso la scuola dell’archivio di Stato e il corso di Archimista. I due libri in inglese letti e il fatto che mi sono data seriamente alle serie inglesi: erano anni che mi ripromettevo di farlo, e finalmente ci sono riuscita. Tutti mi dicevano che basta iniziare: è vero.

Qual è stato il tuo più grande fallimento? Non aver trovato nulla dopo la fine della scuola e del servizio civile.

Hai avuto malattie o incidenti? No, giusto un forte raffreddore, ma non così tanto da non farmi andare al lavoro. Ho però tolto un dente. Vale lo stesso?

Qual è stato il tuo miglior acquisto? Il mio amato cappotto blu elettrico e Bina, la custodia del mio KoBino! *_*

Quale avvenimento ha meritato d’essere celebrato? Il diploma dell’archivio: il giorno n cui sapemmo i risultati, noi amiche più strette ce ne andammo tutte insieme a pranzo.

Quale avvenimento ti ha depresso? Tante, troppe cose. La fine di un’amicizia a cui tenevo tanto e le conseguenze, come per esempio lo scoprire che molte persone che pensavo essere amiche alla fine hanno avuto comportamenti che mi hanno dato molto da pensare; la fine del servizio civile e la mancanza di un lavoro.

Che fine ha fatto il tuo denaro? In manga, libri (anche se, da qualche mese, molti meno), abbonamenti e biglietti di mezzi pubblici, pranzi a Bari e uscite serali.

Cosa ti ha davvero emozionato? La fine del servizio civile. Non perché sia stata contenta di finirlo, eh, ma perché alla fine quella settimana festeggiammo anche il mio onomastico e la Pasqua. I colleghi e gli amici mi fecero anche un regalo (una borsa in stile giapponese che adoro! *_*) e alcuni giorni dopo il professor Canfora e consorte mi regalarono alcuni libri del prof, con dedica.

Quale canzone o album ti ricorderà il 2013? Tutte le canzoni de “Les Miserables”: ho adorato quel film e ogni tanto riascolto le canzoni.

Rispetto all’anno scorso, sei: più o meno felice? più o meno grassa? più o meno ricca? Meno ricca, perché il servizio civile è finito a marzo e solo a settembre sono ritornata a fare ripetizioni (anche se la correzione di bozze mi ha fatto guadagnare qualcosina durante l’estate); più grassa, perché non mi muovo più come prima, quindi ho riacquistato qualche chilo (non che me ne freghi molto, eh); meno felice, perché ho nostalgia di quel che facevo e vedo il futuro piuttosto nero, sia sul campo lavorativo che affettivo.

Cosa avresti voluto fare di più? Scrivere. Viaggiare. Quest’anno sono stata a Latina, per un matrimonio, ma è stata una cosa di famiglia, non un viaggio “vero”.

Cosa avresti voluto fare di meno? Incazzarmi.

Come hai trascorso il Natale? A casa: sono venuti a pranzo Marica e famiglia.

Con chi passi più tempo al telefono? Simona.

Ti sei innamorata nel 2013? Nope.

Quante avventure di una notte nell’ultimo anno? Mi piacerebbe poter dire che ogni notte indosso il mio costume di Batgirl e vado a combattere il crimine, ma, mi spiace, le uniche avventure che vivo sono quelle che leggo nei libri, anche a tarda ora. U_U

Qual è stato il tuo programma tv preferito? Come già detto, quest’anno mi sono data alle serie inglesi (in particolare della BBC) e devo dire che, a parte qualche raro esempio, tutte mi sono piaciute – e mi stanno piacendo. Ma quella che ho adorato di più è stata Norh & South, period drama tratto dal romanzo di Elizabeth Gaskell. Bella la storia, ma soprattutto belli i personaggi (e gli attori! *ç*)

Odi qualcuno che l’anno scorso non odiavi? Odiare è una parola troppo limitata. Avete presente la sensazione che si prova quando, per strada, ci si trova a calpestare gli escrementi degli animali? Ecco, quella.

Qual è stato il più bel libro che hai letto? Su 47 libri letti, doverne scegliere solo uno è impossibile. Forse dovrei dire I pilastri della Terra di Follett, perché era una vita che volevo leggerlo e mi è piaciuto tantissimo, ma non posso dimenticare le due light novel di Toshokan sensou, che mi hanno aperto le porte al magico mondo delle light novel – in inglese – e la saga di Shadowhunters (serie regolare, le Origini e le cronache di Magnus), che ho adorato e di cui amo alla follia i personaggi (credo che le dichiarazioni d’amore di Jace siano tra le più belle che abbia mai letto, e ve lo dice una che non ama molto queste cose)

Qual è stata la tua migliore scoperta musicale? Questa canzone! Che sia chiaro: a me loro non piacciono per niente, ma Radio Bari Nord trasmette questa canzone un giorno sì e l’altro pure e alla fine non riesco a non associarla a tutti i miei viaggi Bitonto-Bari! XD

Cosa hai voluto ed ottenuto? Terminare le serie anime che avevo in corso (e, credetemi, ne avevo molte XD); la custodia del lettore ebook; leggere alcuni libri e vedere alcune serie che m’interessavano.

Cosa hai voluto e non ottenuto? Un lavoro.

Quali sono stati i film migliori dell’anno? Les Miserables! *__*

Cosa hai fatto il giorno del tuo compleanno, e quanti anni hai? 29. Oddio, sapete che non mi ricordo? Credo di non aver fatto nulla di eccezionale, perché non ero proprio in vena, e tutte le mie amiche o erano fuori o erano impegnate; la sera, invece, con la famiglia, sono andata a cena con la famiglia di Marica, perché io e il padre siamo nati nello stesso giorno.
Però, due settimane dopo, io e mia sorella andammo al Ginza, un ristorante giapponese che fa all you can eat, e ci siamo strafogate! *_* È stato il suo regalo, insieme con la torta al cioccolato che preparò i giorno del mio compleanno.

Quale cosa avrebbe reso migliore l’anno? Un lavoro e meno coglioni in giro.

Come descriveresti il tuo concetto personale di moda per il 2013? Gonne lunghe, beige! *__* L’unico motivo per cui quest’anno le ho indossate! XD

Cosa ti ha mantenuto in salute? Cerco di evitare di fare cazzate per non ammalarmi? XD E poi ho i miei fidi Benagol e ActiveGRIP che mi aiutano nel momento del bisogno. XD

Quale personalità ti ha affascinato? Magnus Bane di Shadowhunters (sì lo so che vale! XD)

Quale tema politico ti ha appassionato maggiormente? Non è propriamente un tema politico, ma la grandissima cazzata del bando “500 giovani per la cultura” è una chiara espressione di come la nosta politica tratta la cultura e la ricerca.

Cosa/chi ti è mancato? Un fucile, per far fuori certi coglioni. Sì, ok, scherzo. Ma anche no.

Qual è stata la persona migliore che hai conosciuto? In realtà quest’anno non ho conosciuto molta gente nuova, ma ho rafforzato vecchie conoscenze; diciamo che ho migliorato le mie conoscenze (sia nel bene che nel male, devo dire! XD), ecco, soprattutto con Angela e Anna(-chan) Maria!

Raccontaci una lezione di vita importante avuta dal 2013: “Meglio soli che male accompagnati”.

Una strofa di canzone che riassuma l’anno trascorso: prima o poi riuscirò a trovarla. Neanche quest’anno è uno di quelli, però! XD

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*