“To do list”: aggiornamento di luglio!

Come vola il tempo. È già trascorso più di un mese dalla prova in archivio di Stato e fra pochi giorni anche luglio finirà.
«Ma allora, stai rispettando i punti della To do List che avevi creato poco prima dell’esame?» si starà chiedendo qualcuno (ok, lo so, non se lo sta chiedendo nessuno. Ma, adesso che ve l’ho fatto notare, ve lo state chiedendo tutti, vero?).
Nì, potrei rispondere.
Sì, perché, per esempio, sono passata da Emanuele, a ritirare i manga n sospeso, eh! Anzi, ora che ci penso devo ripassarci di nuovo per i successivi, ma va beh. E sono anche stata in biblioteca, da Natale e dagli altri, anche più di una volta. Il pranzo al RedSky l’ho fatto proprio il giorno in cui sono apparsi i risultati e di gelati da Sandrino abbiamo iniziato a fare incetta proprio il giorno dell’orale.
Quindi, eh, il mio programma lo stavo seguendo. Davvero. Solo che poi, beh, sono sorti degli imprevisti. Piacevoli, ma sono sorti.
La colpa è stata tutta di Anna Maria. Lei ha avuto la bellissima idea di iniziarsi al mondo degli anime e di vedersi Itazura na kiss. Capitemi. Erano i giorni dell’esame, io avevo bisogno di pensare ad altro… e così, un po’ per questo motivo, un po’ per nostalgia, mi sono rivista qualche episodio qua e là.
Potete immaginare quanti danni abbia fatto questa cosa sul mio cervellino malato: all’improvviso, infatti, mi sono ricordata che da qualche parte avevo letto che sarebbe andato in onda il nuovo dorama sul manga. Così, cercando e ricercando, l’ho trovato, ancora in prosecuzione e me lo sono vista. In inglese (ve l’avevo detto che il programma lo sto seguendo, eh!). Quest’ultimo, poi, mi ha ricordato che c’era un live action che volevo vedere: quello di Toshokan sensou, serie che mi era venuta già in mente, perché avevo già pensato di consigliarne la visione alla suddetta Anna. Beh, il film in questione non l’ho trovato, ma ho scovato di meglio: Toshokan sensou: kakumei no tsubasa, ossia il film finale della serie, quello tratto dal quarto volume delle light novel, da cui l’anime è stato tratto. E che, tra parentesi, è in giro dall’anno scorso. Non riesco ancora a capacitarmi della cosa: come ho potuto dimenticarlo?!
Comunque, potete immaginare come sia finita la storia: non solo me lo sono vista (sempre in inglese: li rispetto i miei impegni, io! U_U), ma, in una settimana, l’ho rivisto tre volte – beh, che volete? Io non sono brava in inglese! Dovevo controllare di aver capito bene, no? U.U
Ovviamente, inutile che vi dica che il film è MERAVIGLIOSO. Diversamente che nell’anime, le tempistiche sono trattate bene e, soprattutto, abbiamo un finale VERO. Uno di quello che ti lascia con gli occhi a cuoricino e la certezza che il mondo potrà essere un posto migliore, un giorno.
In breve: la fangirl che è in me è tornata fuori più folle che mai. E, ovviamente, una fangirl che vuole migliorare il proprio inglese, che fa? «Si va a cercare fanfiction sulla serie, in inglese!» Direbbe qualcuno. Beh, anche Ma ho fatto di meglio: mi sono andata a riprendere la prima light novel, che avevo da eoni sul lettore ebook e me la sono letta. Di più: facendo una piccola ricerchina on line, ho scoperto che la traduttrice, nel frattempo, era andata avanti, aveva concluso 3 dei 4 volumi e stava traducendo l’ultimo. Potete dedurre da soli come sia finita la storia. XD Attualmente sono a metà del secondo volume e, se da una parte non vedo l’ora di finirlo, dall’altra non voglio, perché il quarto volume è ancora in traduzione e, comunque, sono solo quattro e non voglio che finisca. T_T Certo, qualcuno mi potrebbe ricordare che c’è anche il manga e che comunque ci sono le fanfiction. Ma è diverso. Non avevo mai letto una novel, prima, e sinceramente la sto trovando meravigliosa, di gran lunga superiore all’anime (esattamente come i libri sono migliori dei film XD), e probabilmente anche del manga; in più, di quest’ultimo on line si trovano solo 7 degli 11 volumi usciti, quindi chissà quando e se potrò leggere gli altri! T__T).
Comunque, potete ben immaginare quanto sia difficile riprendere a leggere un libro in inglese per una che non ne legge uno dal liceo – ed erano pure riduzioni! – Se la novel fosse stata in italiano, ci avrei messo meno di due giorni; in questo caso, per la prima, ci ho messo due settimane . Leggo al pc, più che sul lettore e, dopo un po’ potete ben immaginare come la mia vista mi abbia chiesto un po’ di pietà.
Calmato un po’ il mio momento di fangirl – ma mica tanto, visto che proprio ieri ho messo un’immagine del manga come mio nuovo avatar su FB! – ho colto al volo l’occasione per finirmi anche qualche serie che avevo in sospeso (sempre in inglese)  e di vedermi qualche telefilm british che avevo in mente di iniziare da un po’. Perciò ho terminato Hotaru no hikari 2 (e vi assicuro che è stato un parto: madò che palle! La prima serie mi è piaciuta molto di più!) e mi sono data a I pilastri della terra, Sense and Sensibility e The Bletchery circle, che avevo sul pc da eoni. Lo sapevo che sarebbe bastato poco per lanciarmi nel magico mondo delle miniserie british: complice Anna Maria (sempre quella di prima XD), a cui piacciono tanto, adesso ho una caterva di serie da vedere, con grande gioia del mio udito, che per un po’ ha intenzione di staccarsi dal giapponese per darsi all’inglese.
Quindi, ehi, non si può dire che non abbia rispettato molti dei punti della lista. Per quanto riguarda le serie giapponesi che ho in corso, i libri cartacei che avevo promesso di leggere e la montagna di manga che continua a crescere… abbiate fede! L’estate mica è finita! U_U

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*